Le siepi moderne a differenza di quelle più antiche rispondono a nuove esigenze funzionali come l’aspetto estetico gradevole o la necessità di ridurre gli interventi e i costi di manutenzione, mantenendo alta rusticità e capacità di adattamento. I parametri che abbiamo selezionato sono la velocità di crescita, la conseguente velocita di ramificazione in forma obbligata, la tolleranza alle malattie fungine o altri patogeni dannosi, la vigoria e l’adattabilità alle diverse situazioni ambientali. Esiste un’ampissima gamma di piante che possono prestarsi bene alla creazione di siepi o siepi miste a scopo ornamentale, noi abbiamo selezionato quelle che avessero i migliori pregi estetici considerando il colore della vegetazione, la trama e la presenza di infiorescenze. Grazie alla parte aerea della pianta che a sua volta dipende dalla morfologia della lamina fogliare della pianta, la vegetazione è in grado di intercettare anche le più piccole particelle di inquinanti atmosferici provocandone un rallentamento e una conseguente sedimentazione, l’effetto è differente in base alla costituzione dell’apparato vegetativo: se la superficie fogliare è liscia l’effetto è inferiore, invece se scabra o coperta da tricomi l’efficacia è superiore (la differenza è la stessa che si può notare tra la densità inferiore di ramificazione della photinia e maggiore del leylandii). Oltre alla barriera fisica, che è determinata dalla morfologia della pianta, esiste l’effetto elettrostatico creato dall’evapotraspirazione sulle superfici fogliari che permette l’adsorbimento del composto alla vegetazione. Regolazione termina è determinata dalla capacità di evapotraspirazione delle piante e alla capacità di rifrazione della luce solare diretta che a differenza degli ambienti antropizzati in cui dominano cemento o composti bituminosi che assorbono la maggior parte della radiazione solare e creano una bolla di calore. Inoltre, durante le ore più calde della giornata aprono gli stomi e permettono, in questo modo, il passaggio di acqua che comporta un abbassamento di temperatura e la creazione di un microclima più favorevole. Effetto barriera: antivento e antirumore, l’effetto si manifesta grazie alla deviazione del vento e una conseguente diminuzione delle sua energia cinetica. L’efficacia del frangivento è direttamente proporzionale alla densità della barriera vegetale e all’altezza della piante: barriere di densità media-alta hanno una maggiore efficacia rispetto a quelle molto rade.

  • L’Eleagnus è un arbusto sempreverde, si contraddistingue per le giovani foglioline argentate, per l’intensa fioritura di novembre e la produzione di bacche rosse commestibili a maturità. Può arrivare fino 3 metri di altezza in forma obbligata, non necessita di particolari cure manutentive ed è abbastanza rustica.  
  • Il Blue Arrow è una conifera sempreverde conica, distinta per la colorazione bluastra. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino 3-4 metri di altezza in forma obbligata.  
  • Il Lauroceraso è un grande arbusto sempreverde a portamento eretto, si contraddistingue per la crescita vigorosa in molteplici terreni. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino 3-4 metri di altezza in forma obbligata.
  • Il Leylandii è un’ottima pianta da siepe sempreverde, si contraddistingue per la vigoria e per la capacità di formare una barriera impenetrabile. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino a 4-5 metri di altezza in forma obbligata.  
  • Il Leylandii è un’ottima pianta da siepe sempreverde, si contraddistingue per la vigoria e per la capacità di formare una barriera impenetrabile. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino a 4-5 metri di altezza in forma obbligata.
  • Il Ligustro è una latifoglia semi sempre verde a portamento eretto e crescita rapida. La pianta è molto rustica e si adatta praticamente a tutti i tipi di suoli e ha una crescita molto rapida. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino a 3-4 metri di altezza formando una folta barriera impenetrabile.
  • La Photinia  è un’ottima pianta da siepe sempreverde, si distingue per la colorazione delle nuove foglie rosso acceso. Questa sottospecie ha la caratteristica di mantenere tutti i caratteri della fotinia ma ha internodi più vicini, crescita più contenuta e colorazione leggermente più intensa. Una volta raggiunta la maturità può arrivare ai 2-2,5mt metri di altezza in forma obbligata.
  • La Photinia Red Robin è un’ottima pianta da siepe sempreverde, si distingue per la colorazione delle nuove foglie rosso acceso. Una volta raggiunta la maturità può arrivare ai 2-3 metri di altezza in forma obbligata e può produrre parziali infiorescenze nel periodo primaverile se non viene opportunamente potata tutti gli anni.  
  • Il Lusitanica è un grande arbusto sempreverde, si contraddistingue per la crescita veloce e il basso costo di mantenimento. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino 2-3 metri di altezza in forma obbligata.
  • TUJA

    10,00 
    La Thuja è una grande conifera sempreverde conica, distinta per il rapido accrescimento. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino 4 metri di altezza in forma obbligata.
  • La Tuja è una conifera sempreverde a portamento eretto e chioma piramidale densa. Si contraddistingue per le squame di color giallo dorato in primavera, giallo-verdi in estate e infine sfumature dorate-rossicce in inverno. Una volta raggiunta la maturità può arrivare fino a 3 metri di altezza formando una folta barriera impenetrabile.  

Titolo

Torna in cima